Consulenza fiscale e finanziaria
home cerca registrati area riservata
_sabato_02/07/2022   VAI A: __
Indice
Area Fiscale
Scadenze
generali
dichiarazioni
Dossier
collaboratori co .co
  condoni fiscali 2003
Tremonti Ter
  Finanziaria 2010
  Iva Comunitaria
  leggi & circolari
  ici
Dirette - Iva
acconti di novembre
  acconto iva
  compensazioni iva
  locazioni abitative
  regimi agevolati
  regali aziendali
  subfornitura
  riforma commercio
Contenzioso
ravvedimento
  definiz agevolata
  avvisi bonari
  interpello
sanzioni
Previdenza
contributi Inps
  gestione separata
Internazionale
convenzioni
  resid esteri
Utilità
codici F24
  codici attività
  arrotondamenti F24
  diritto annuale CCIAA
  interesse legale
  vidimaz libri
  interessi di mora
prescrizione

Normativa fiscale

  Diritto di interpello  
  Circolare del 31/05/2001 n. 50  
     
  1 Premessa
La legge 27 luglio 2000, n. 212, recante disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente, ha introdotto nell'ordinamento tributario numerose disposizioni volte a tutelare il contribuente nei rapporti con l'Amministrazione finanziaria sia nel corso del procedimento di accertamento che nella precedente fase di interpretazione ed attuazione delle norme tributarie.
L'articolo 11 della richiamata legge disciplina l'istituto dell'"interpello del contribuente", in funzione del quale il contribuente puo' inviare quesiti all'Amministrazione competente allo scopo di conoscere preventivamente quale sia la portata delle disposizioni tributarie e, di riflesso, quale sara' il comportamento dell'Amministrazione in sede di
controllo.
In attuazione del comma 5 dello stesso articolo, e' stato emanato, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, il decreto del Ministro delle finanze del 26 aprile 2001 (di seguito, regolamento), in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, con il quale sono stati individuati gli organi, le procedure, le modalita' di esercizio e gli effetti dell'interpello.
Pertanto, a far data dal quindicesimo giorno successivo a quello di pubblicazione del regolamento, i contribuenti potranno presentare istanze di interpello disciplinate secondo le modalita' e gli effetti previsti nel
regolamento medesimo.
Con la presente circolare vengono fornite indicazioni utili ai fini della corretta gestione dell'istituto, impartendo alle Direzioni regionali dell'Agenzia delle Entrate le istruzioni necessarie per il proficuo e tempestivo esame delle istanze.

1.1 Attivita' di consulenza giuridica ed interpello
L'interpello disciplinato all'articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, costituisce lo strumento principale attraverso il quale si esplica, nei confronti della generalita' dei contribuenti, l'attivita' interpretativa
o di consulenza giuridica dell'Agenzia delle Entrate, volta ad individuare il corretto trattamento tributario delle fattispecie di volta in volta prospettate.
Tale interpello non sostituisce ma si affianca all'analogo istituto previsto dall'articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413, concernente l'interpello per l'applicazione delle disposizioni antielusive di cui all'articolo 37-bis del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, la cui disciplina
si rinviene nel regolamento approvato con i decreti del Ministro delle finanze del 13 giugno 1997, numeri 194 e 195 (cfr. circolare n. 135/E del 28 maggio 1998). Ai sensi dell'articolo 1, comma 1 del regolamento, infatti, rientrano nell'interpello in esame le istanze riguardanti "l'applicazione
(di una) disposizione (normativa di natura tributaria) a casi concreti e personali, diversi da quelli oggetto dell'interpello disciplinato dall'articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413".
L'interpello di cui alla legge n. 413 del 1991, a differenza di quello disciplinato dalla legge n. 212 del 2000, puo' avere ad oggetto soltanto alcune specifiche operazioni che potrebbero essere considerate elusive e, sul piano tributario, produce come effetto tipico esclusivamente
l'inversione dell'onere della prova a carico della parte che non si sia conformata al parere reso dall'Amministrazione.
L'interpello in esame ha inoltre rilevanza sul piano penale: ai sensi dell'art. 16 del d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74, recante nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e di imposta sul valore aggiunto, non sono punibili i soggetti che, avvalendosi di tale procedura di
interpello, si sono uniformati al parere dell'Amministrazione.
L'interpello previsto dallo statuto dei diritti del contribuente non va confuso con l'istanza indirizzata al Direttore regionale per la disapplicazione di norme antielusive, prevista all'articolo 37-bis, comma 8, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, e regolamentata con decreto del
Ministro delle finanze del 19 giugno 1998, n. 259. Si rammenta che tale istituto attribuisce al Direttore regionale il potere di disapplicare, con proprio decreto, disposizioni di carattere tributario che, a scopo antielusivo, limitano deduzioni, detrazioni e crediti di imposta; cio' nel
presupposto che il contribuente dimostri che, nella fattispecie prospettata, gli effetti elusivi non possono verificarsi.
La consulenza giuridica non riconducibile nei presupposti dell' "interpello del contribuente" di cui all'art. 11 della legge n. 212 del 2000 e, in particolare, quella richiesta da associazioni sindacali e di categoria, ordini professionali, enti pubblici o privati che esprimono
interessi non personali ma di rilevanza generale, si esplica, invece, secondo le modalita' illustrate nella circolare n. 99/E del 18 maggio 2000, cui gli uffici e i soggetti interessati dovranno fare esclusivo riferimento (vedi successivo punto 2.1).

2 Oggetto e presupposti del diritto di interpello
Ai sensi dell'articolo 1, comma 1, del regolamento, la richiesta di parere deve riguardare l'interpretazione di qualsiasi norma tributaria, che abbia ad oggetto la disciplina degli aspetti sostanziali, procedurali o formali del rapporto tra Amministrazione finanziaria e contribuente.
Tra i diversi soggetti che compongono l'Amministrazione finanziaria in senso lato (Agenzie fiscali, regioni, comuni, ecc.), la trattazione delle istanze di interpello e' ripartita in ragione della competenza a gestire il tributo di riferimento.
Rientrano pertanto nella competenza dell'Agenzia delle Entrate le istanze concernenti i tributi gestiti dalla medesima e, in particolare:
. le imposte sui redditi
. l'imposta sul valore aggiunto
. la Dual Income Tax (DIT)
. l'imposta di registro
. l'imposta sulle successioni e donazioni
. l'imposta di bollo
. le tasse sulle concessioni governative
. l'imposta sugli intrattenimenti
. altri tributi minori.

Per quanto riguarda l'IRAP la competenza a gestire l'interpello compete necessariamente alla stessa amministrazione che esercita in materia i poteri di accertamento. Ai sensi degli articoli 24 e 25 del D.lgs. n. 446 del 1997, la potesta' di accertamento in materia di IRAP e' attribuita
all'Agenzia delle Entrate salvo che non sia diversamente previsto dalle leggi regionali e dalle convenzioni intervenute in materia.
I presupposti fondamentali dell'interpello sono individuati all'articolo 1, commi 1 e 2, del regolamento, da cui si desume che l'istanza puo' essere presentata:
a) dal contribuente interessato personalmente a conoscere la regolamentazione fiscale di una particolare fattispecie concreta;
b) prima di porre in essere il comportamento giuridicamente rilevante o di dare attuazione alla norma oggetto di interpello;
c) purche' sussistano obiettive condizioni di incertezza sulla interpretazione della norma indicata.
La ricorrenza congiunta delle suesposte condizioni rileva ai fini dell'ammissibilita' dell'interpello e, piu' precisamente, della esplicazione degli effetti tipici previsti all'articolo 5 del regolamento.

2.1 Riferibilita' dell'interpello a casi concreti e personali
Tale condizione esige che l'interpello sia finalizzato a conoscere il trattamento tributario di determinati atti, operazioni o iniziative riconducibili direttamente alla sfera di interessi del soggetto istante.
 
     
   
     

 

| More
  Aggiungi la pagina ai tuoi preferiti!   Chiedi più informazioni sull'argomento
         

1998-2010 Studiobottero.it - tutti i diritti riservati
pagine a cura del dott. Riccardo Bottero Dottore Commercialista in Genova - Partita Iva 03441740101
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL SITO SONO FORNITE A TITOLO GRATUITO E VANNO CONSIDERATE COME "PRIMA INFORMAZIONE" PER CUI E' INDISPENSABILE VERIFICARE PRESSO FONTI UFFICIALI PRIMA DI QUALSIASI VERSAMENTO O ADEMPIMENTO.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale dei collaboratori del sito. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 6220/01