Consulenza fiscale e finanziaria
home cerca registrati area riservata
_giovedì_18/12/2014   VAI A: __
Agev. & Finanziam
Agev. fiscali
agevolaz 1 casa
agevolazione 36%
Incentivi fiscali
tremonti "ter"
art 7 finanz. 2001
  art 8 finanz. 2001
Finanziamenti
legge 215/92
  legge 488/92
  legge 266/97
Obiettivo2Liguria
nuove attività
  nuovi investimenti
 

Le agevolazioni fiscali del 36% - 41%

L'agevolazione, iniziata nel 1998 con l'aliquota del 41% e poi riproposta anche per i periodi d'imposta successivi con aliquota 36%. La Finanziara proroga l'agevolazione anche per il 2006 riportando i contributo all'aliquota del 41% ma eliminando l'aliquota iva agevolata al 10%.

Cosa è

L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dal reddito imponibile il 36% (41% per il 2006) delle spese sostenute nel corso dell'anno per la ristrutturazione di case di abitazione e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello Stato. Si noti che trattandosi di una detrazione dall'imposta e non di rimborso, ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'imposta dovuta per l'anno in questione.

II beneficio spetta fino a un tetto massimo di spesa di 48.000,00 euro per anno d'imposta e per ogni immobile sul quale vengono eseguiti gli interventi di recupero edilizio. La detrazione compete per le spese sostenute nell'anno e rispetta rigorosamente, pertanto, il criterio di cassa.

Chi può usufruirne

Possono beneficiare dell'agevolazione non solo i proprietari degli immobili ma anche tutti coloro the sono titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi e ne sostengono le relative spese (ad esempio: il proprietario o il nudo proprietario; il titolare di un diritto reale di godimento quali usufrutto, uso, abitazione o superficie; chi occupa l'immobile a titolo di locazione o comodato; i soci di cooperative divise e indivise; i soci delle società semplici; gli imprenditori individuali, limitatamente agli immobili che non rientrano tra quelli strumentali o merce). Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell'immobile oggetto dell'intervento, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati. Sono definiti familiari, ai sensi dell'art. 5 del Testo unico delle imposte sui redditi, il coniuge, i parenti entro il terzo grado, gli affini entro il secondo grado.

Possono usufruirne anche i condomini, per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell'edificio. La detrazione compete con riferimento all'anno di effettuazione del bonifico bancario da parte dell'amministratore del condominio; in tale ipotesi la detrazione compete al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, sempreche quest'ultima sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Quali spese riguarda

La detrazione del 36% (41% nel 2006) riguarda le spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali.

Tra le spese per le quali compete la detrazione, oltre a quelle per l'esecuzione dei lavori, sono comprese:
>> le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse;
>> le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi della legge 46/90 (impianti elettrici)
>> le spese per l'acquisto dei materiali;
>> il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti;
>> le spese per l'effettuazione di perizie e sopralluoghi;
>> l'imposta sul valore aggiunto, l'imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori;
>> gli oneri di urbanizzazione

L'aliquota iva agevolata 10% (lavori ante 2006)

Per gli interventi di ristrutturazione è possibile usufruire dell'aliquota agevolata, estendibile oltre che alle prestazioni professionali anche alle forniture delle materie prime e semilavorate e degli altri beni necessari per i lavori, a condizione:
1. che non vengano forniti da un soggetto diverso da quello che esegue la prestazione e non vengano acquistati direttamente dal committente dei lavori;
2.che tali beni non costituiscano una parte significativa del valore delle cessioni effettuate nel quadro dell'intervento.
Per i beni che invece costituiscono una parte significativa di detto valore l'aliquota ridotta si applica solo fino a concorrenza della differenza tra il valore complessivo dell'intervento di recupero e quello dei beni stessi.


Come usufruire dei benefici

Dove spedire la richiesta

A partire dall'anno 2002, con la progressiva eliminazione dei centri di servizio, l'agevolazione va spedita a:

Centro operativo di Pescara
Via Rio Sparto 21
65100 Pescara

Cosa inviare

Prima dell'inizio dei lavori è necessario inviare al Centro di Servizio delle imposte competente per territorio (vedi sopra), con raccomandata, la comunicazione di inizio lavori redatta su apposito modello, a cui debbono essere allegate:

  • la copia della concessione, autorizzazione o della comunicazione di inizio lavori, se previste dalla legislazione edilizia ;
  • la fotocopia delle ricevute di pagamento dell'ICI pagata a decorrere dal 1997, se dovuta. Se il contribuente che chiede di fruire della detrazione é un soggetto diverso da quello tenuto al pagamento dell'Ici (ad esempio, l'inquilino), non è necessario trasmettere le copie delle ricevute. Anche per i lavori eseguiti sulle parti comuni condominiali non va allegata la ricevuta di pagamento dell'Ici;
  • la fotocopia della delibera assembleare e della tabella millesimale di ripartizione delle spese nel caso in cui i lavori vengono eseguiti sulle parti comuni di edifici residenziali.

Contestualmente alla comunicazione agli uffici finanziari, a cura dei soggetti interessati alla detrazione o dell'impresa che esegue i lavori deve essere inviata all'Azienda sanitaria locale competente per territorio una comunicazione con raccomandata AR (solo per gli interventi che richiedano tale controllo)

Come pagare i lavori

Per fruire della detrazione e necessario che le spese detraibili vengano pagate tramite bonifico bancario da cui risulti la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga e il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento

| More
  Aggiungi la pagina ai tuoi preferiti!   Chiedi più informazioni sull'argomento
         

© 1998-2010 Studiobottero.it - tutti i diritti riservati
pagine a cura del dott. Riccardo Bottero Dottore Commercialista in Genova - Partita Iva 03441740101
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL SITO SONO FORNITE A TITOLO GRATUITO E VANNO CONSIDERATE COME "PRIMA INFORMAZIONE" PER CUI E' INDISPENSABILE VERIFICARE PRESSO FONTI UFFICIALI PRIMA DI QUALSIASI VERSAMENTO O ADEMPIMENTO.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base dei contributi di aggiornamento professionale dei collaboratori del sito. Non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 6220/01